mercoledì 7 giugno 2017

La militarizzazione in Sicilia, da Niscemi ad Augusta - VIDEO

I video degli interventi programmati dell'assemblea popolare dal titolo Augusta, porto nucleare nella Sicilia avamposto di guerra svoltasi ad Augusta il 20 maggio scorso



L'intervento di Pippo Gurrieri (Comitato No Muos Ragusa) su passato e presente della militarizzazione in Sicilia. Da un lato le principali vicende storiche che hanno segnato l'occupazione militare dell'Isola, dall'altro i movimenti e le resistenze territoriali contro guerre, militarismo e militarizzazione:


L'intervento di Gianmarco Catalano, attivista No Muos, sul tema della militarizzazione nel Siracusano e del rischio nucleare nel porto di Augusta. Tra depositi di missili e carburante, poligoni di tiro, antenne a microonde, pontili e istallazioni di supporto a navi e sottomarini nucleari d'attacco, quella del Siracusano è una delle aree a più alta densità di strutture militari in Italia:



Il servizio del Tg3 Sicilia del 20 maggio scorso sul presidio No Muos contro il G7 di Taormina e l'arrivo delle navi statunitensi di scorta a Trump nel porto di Augusta. Un presidio a cui hanno partecipato anche diverse/i attiviste/i del Comitato Stop Veleni per denunciare insieme la mancanza di un piano di emergenza esterna per il rischio atomico e rivendicare il blocco immediato al transito e alla sosta di navi e sottomarini a propulsione nucleare Usa e Nato nella rada megarese. No Muos, No war, No nucleare, No G7. Per una Sicilia e un Mediterraneo di pace e solidarietà tra i popoli:





Gianmarco Catalano




Nessun commento:

Posta un commento